Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/82

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


A Parma no se' in Opera;
     Se' qua, se' fresco e san;
     Se ve trovasse in degole
     8Ve manderìa lontan;
El tema xe novissimo,
     So ch'el ve piaserà:
     Per una che va Munega
     12Aveu mai più cantà?
M'aspeto che responderme
     Vogiè strenzendo i denti:
     Semo a le cosse solite,
     16Coi soliti argomenti;
Sempre ghe vol sta sonica?
     Sempre s'à da cantar?
     Per Sposalizj e Muneghe
     20M'òi da decervelar?
Sior sì, bisogna subito
     Tior la chitara in man,
     Sonarghela e cantarghela
     24Almanco in Venezian.
Sta volta, torno a dirvelo,
     El caso è diferente,
     Sta Puta che me stimola
     28La xe una mia parente.
Questo xe 'l primo debito;
     Ma a dirla tra de nu,
     Me stimola e me obliga
     32Qualche rason de più.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/82&oldid=66841"