Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/08

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 73 modifica]
VIII


Ma no perdèmo el filo, perchè adesso
     Su sta Scritura tanto decantada1
     3Nu ghe faremo un poco de processo.
St’opera finalmente terminada,
     Compida finalmente sta Scritura,
     6I l’à a Vostre Zelenze presentada
Col farghene in Senato la letura;
     Ma le prego con più de riflession
     9Un’altra volta ben le la matura.

[p. 74 modifica]

Co ghe vogiamo far osservazion
     Ghe vederemo in quela un aparato
     12Sul so principio pien de delusion,
Col qual se vol che per Ragion de Stato
     S’abia da meter man ne le Man-morte
     15Per interesse publico e privato,
Quando per strade anzi indirete e storte
     Se cerca solo fora de scazzar
     18Le Massime de Stato da ste Porte.
Le senta come mi ghel vòi provar.
     (Parlemo de le Legi su le quali
     21S’à voludo el Franceschi dilatar).
Queste tiolte in complesso le xe tali
     Che anzi le vol che sia perpetuà
     24Muneghe, Fraterìe, Preti e Ospedali.
Quele Legi che lu l’à epilogà,
     Vostre Zelenze pol tocar con man
     27Ch’altro efeto che questo no le fa.
Le tioga su le Legi del Sovran
     Mazor Consegio del mile dusento.
     30Za che le vol che andemo sì lontan,
E le me diga, se ghe sia là drento
     Altro significato mai de quelo
     33Ch’è de Riforma e de Regolamento?
No v’aspetè da mi, caro fradelo,
     Che stracar el Pregai vogia sta sera,
     36E che me vogia romper el cervelo
Tiolendo suso sta Scritura intiera

[p. 75 modifica]

     Per comentar parola per parola;
     39Che co andassimo drio de sta cariera
Non basteràve una zornada sola.
     Con pochissime cose mi me sbrigo,
     42E le parole mi ve fermo in gola.
Sentìme ben come che mi v’intrigo:
     Fra sta gran quantità che avè compresa
     45Vorìa che me disessi, caro amigo,
Dove che interpretada, e non intesa
     Sia a modo vostro la publica mente
     48Su sta materia lunga e sì contesa;
E se se possa intender schietamente
     Restrizion, sopression, e sora tuto
     51Se sia stà decretà sovranamente
Che i Frati s’abia da spogiar de tuto,
     E che privai i sia de quei possessi
     54Che sin ora in sto Stato è stai per tuto
El corso de più secoli concessi,
     Riconossudi e confermadi, o sia
     57Da più Decreti chiaramente espressi
Del Consegio e Senato; questi in via
     Deliberativa, queli in Statutaria,
     60E in Giudiziaria da la Quarantìa.
Sto scritor el se dà tanta gran aria
     D’interpretar el spirito e la forza
     63De le Legi; ma sì per Dio, el savaria!
Le senta come qua me se rinforza
     Sto ponto che mi trato de converso;

[p. 76 modifica]

     66Che s’el pol desmentirlo ch’el se sforza!
Vorìa saver da vu, se sia diverso
     El senso d’una Lege che riforma,
     69Da quela Lege che per ogni verso
Anichilada vol l’intiera forma
     D’un Corpo, in modo che mai più aparissa
     72De quel nessun vestigio e nessun’orma?
Sto divario in la mente le sel fissa,
     Nè ghe vorà sforzo d’inzegno o d’arte
     75Perchè Vostre Zelenze se stupissa
Deboto a la letura de ste Carte,2
     Chiamade a giudicar, se sia adempida
     78La Sovrana intenzion de ste tre Parte.
Perchè co’ questa no’ la sia eseguida,
     Se la Rason de Stato se conservi
     81Nel so intiero vigor, ele decida.
Ma se a le Legi no se ghe preservi
     El spirito e la forza, ed ad alterarghe
     84El senso, che se vogia che se snervi
     La Massima de Stato, ò da provarghe.



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Scrittura del segretario Franceschi.
  2. Decreto delli 10 settembre 1767.