Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/73

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


     90In libertà me lassa la parola;
Che ’l gran dolor che l’anema me toca
     Fa che a quel che mi sento e che mi vedo
     93L’espression su i mi labri le me fioca;
E se el fervor, onde a nissun mi cedo,
     Nol fusse rafrenà da quel riflesso
     96Che modera i trasporti, mi prevedo
Che trabocar el me farìa in l’ecesso
     De scordarme che parlo da sto logo
     99Davanti a un rispetabile Consesso,
In fazza al qual el più inocente sfogo
     Interpretà el sarìa per grave colpa
     102Da chi de la rason scotendo el giogo
     E Patria e Religion svissera e spolpa.


VIII


Ma no perdèmo el filo, perchè adesso
     Su sta Scritura tanto decantada1
     3Nu ghe faremo un poco de processo.
St’opera finalmente terminada,
     Compida finalmente sta Scritura,
     6I l’à a Vostre Zelenze presentada
Col farghene in Senato la letura;
     Ma le prego con più de riflession
     9Un’altra volta ben le la matura.

  1. Scrittura del segretario Franceschi.