Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/07

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 69 modifica]
VII


Stabilido dai Savj el gran progeto;
     Parto e disegno de l’ecelsa mente
     3D’un riguardevolissimo sogeto,
La prima cosa a la qual seriamente
     I ga pensà, la xe stada de tior

[p. 70 modifica]

     6Via quel impedimento dritamente;
El qual podeva fomentar l’umor,
     In modo che insorgendo qualchedun
     9Ferocemente el se vegnisse a opor;
E i temeva a rason che nel Comun
     Comparisse a segnar l’Intromission
     12Un dei tre Avogadori de Comun;
Perchè i saveva (che no gh’è quistion)
     Che in pregiudizio de la Podestà
     15Legislativa no gh’è prescrizion.
Dopo aver za in Consulta concretà
     E formà tra de lori el so disegno,
     18Per dessiparne co sta novità,
Con arte la più fina e con inzegno
     (Direto solo da quel bel talento
     21Che ga la soversion per meta e segno)
Al Senato i ga dà l’ecitamento
     Perchè se decretasse a diritura
     24La destruzion e l’anichilamento
Dei Regolari; e perchè più sicura
     I podesse piantar la prima piera
     27I à sugerido una Magistratura
La qual avesse la podestà intiera,
     Senza esser a nessun assogetada,
     30De far man bassa e de calar visiera;
E tanta autorità ghe fusse dada
     Che, con nostro rossor, nei nostri Anali
     33La fosse Ditatura un dì chiamada.

[p. 71 modifica]

In conseguenza tre dei principali
     Senatori, a covrir sto Magistrato
     36In merito e virtù tuti tre uguali,
Subito xe sta eleti dal Senato
     Perchè i dovesse sora de sto afar
     39Prender notizia da per tuto el Stato:
E un Segretario i ga pensà de far
     Che tra i so pari più se distinguesse
     42Nel saver ste materie scriturar;
E voludo i à de più, che pur i avesse
     A so disposizion un Computista
     45Che i necessarj calcoli facesse.
Fra tuti queli che i gaveva in vista
     Al Franceschi à tocà la bela sorte
     48E al Rizzi d’esser soli messi in lista.
El primo in Religion spirito forte,
     E l’altro in realizzar bravo e famoso
     51Le partide più false e le più acorte.
Per riussir in st’impegno laborioso
     Ognun de loro se ga messo drio
     54A laorar note e dì senza riposo;
Perchè operando con fin giusto e pio
     De poder otener degna mercede
     57I sperava dal Prencipe e da Dio!
Anime rete, che con zelo e fede
     Avè sudà per el publico ben,
     60El gran merito vostro chi nol vede?
Mi deboto dirò quel che contien

[p. 72 modifica]

     St’opera cussì granda e sì famosa,
     63E de vu dirò ben quel che convien.
Mi sarò quel che ghe farò la glosa
     Aciò la gran fadiga che avè fato
     66La se tramandi ai posteri gloriosa!
E de vu do’ mi farò quel ritrato
     Che messo in la so’ vera prospetiva
     69Ognun resterà pago e sodisfato;
Che cercarò un’immagine sì viva
     De la semplicità più natural
     72Che de vu do’ la sia la più espressiva;
In soma incontrarò l’Original
     De sti do’ gran Ministri sì valenti
     75Che à savudo scoprir un capital
Richissimo de Chiese e de Conventi
     Per compier l’esterminio e la rovina
     78De la Cità e del Stato, e trar proventi
Con arte maliziosa e soprafina,
     Per saziar cussì el lusso, e ancora el vizio
     81De la famegia, e de la Concubina
Che se mantien a spese del so Ofizio,
     E col privato e col publico dano,
     84E de la Religion col pregiudizio.
Eh le me scusi, se qua mi m’afano
     Più del solito a vista de la sola
     87Vergognosa ragion del nostro ingano.
Mi no go impedimento ne la gola,
     Che la strada dal cuor sin a la boca

[p. 73 modifica]

     90In libertà me lassa la parola;
Che ’l gran dolor che l’anema me toca
     Fa che a quel che mi sento e che mi vedo
     93L’espression su i mi labri le me fioca;
E se el fervor, onde a nissun mi cedo,
     Nol fusse rafrenà da quel riflesso
     96Che modera i trasporti, mi prevedo
Che trabocar el me farìa in l’ecesso
     De scordarme che parlo da sto logo
     99Davanti a un rispetabile Consesso,
In fazza al qual el più inocente sfogo
     Interpretà el sarìa per grave colpa
     102Da chi de la rason scotendo el giogo
     E Patria e Religion svissera e spolpa.