Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/76

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


     66Che s’el pol desmentirlo ch’el se sforza!
Vorìa saver da vu, se sia diverso
     El senso d’una Lege che riforma,
     69Da quela Lege che per ogni verso
Anichilada vol l’intiera forma
     D’un Corpo, in modo che mai più aparissa
     72De quel nessun vestigio e nessun’orma?
Sto divario in la mente le sel fissa,
     Nè ghe vorà sforzo d’inzegno o d’arte
     75Perchè Vostre Zelenze se stupissa
Deboto a la letura de ste Carte,1
     Chiamade a giudicar, se sia adempida
     78La Sovrana intenzion de ste tre Parte.
Perchè co’ questa no’ la sia eseguida,
     Se la Rason de Stato se conservi
     81Nel so intiero vigor, ele decida.
Ma se a le Legi no se ghe preservi
     El spirito e la forza, ed ad alterarghe
     84El senso, che se vogia che se snervi
     La Massima de Stato, ò da provarghe.


IX


Ma prima a sto de più. Co sta Scritura,
     Scortà dai Savj, el novo Magistrato
     3De le Man-morte destinà a la cura,

  1. Decreto delli 10 settembre 1767.