Arringa sul Decreto di Abolizione de' Frati/09

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
100 percent.svg
Qualità del testo: sto testo el xe stà trascrito e rileto.
[p. 76 modifica]
IX


Ma prima a sto de più. Co sta Scritura,
     Scortà dai Savj, el novo Magistrato
     3De le Man-morte destinà a la cura,

[p. 77 modifica]

El s’à presentà subito al Senato
     Aciochè in conseguenza decretà
     6Fusse sto afar per ben de tuto el Stato.
In undese Capitoli segnà
     Xe stà el Decreto de Regolazion
     9Che in quel dì el Pregai à balotà1
Dopo de che per la so aprovazion
     L’è stà portà al Consegio, dove preso
     12(Le noti) per la so’ aprovazion l’è stà.2
Questo xe ’l primo caso che mi ò inteso
     Dove cussì a la cieca sia deciso
     15D’un afar drento al qual ghe xe compreso
Tuto quelo che xe de più preciso
     In un Governo, e gh’è de più vital
     18In modo che nol pol andar diviso...
Me spiego... El gius divin e ’l natural.
     E tuto questo per tegnir segreto
     21A la Sovrana Autorità el mortal
Orendo colpo, a dirghela in concreto,
     Che da un Secolo e mezo e più in Pregai
     24Su sto afar gh’è stà dà con quel Decreto.
E questa xe l’origine dei guai

[p. 78 modifica]

     Tra quali involta la Libertà publica
     27La pol tremar de no sortir più mai,
Co la Sovranità de la Republica
     No la sostegna, salvo quel Edito
     30Che sol forma le Legi e che le publica.
Questo xe quel arcano che gh’ò dito,
     Quel nodo, quel mistero sì l’è questo
     33Che mi per rischiarar resto in sto sito.
Siben che so che riussirò molesto
     Su sto tema a qualcun de sto Consesso
     36A tempo e logo pur ghe dirò el resto.
Sto tal regolamento che gh’ò espresso
     Su i Loghi Pii e sora le Man-morte,
     39Dai Savj machinà drento el Recesso
De quele a ogni altro impenetrabil porte,
     Drento le quali un despotismo ingiusto
     42Tra indegne intolerabili ritorte
Tien incepà cussì sto Ceto Augusto,
     In altri tempi tra più gravi cure
     45Ne le massime soe fermo e robusto;
Che le cose più serie e più madure,
     O tra privati avari fini involte
     48Le cambia le sostanze e le figure,
O le marcisse in un casson sepolte
     Con gran dano del Stato, e con sorpresa
     51De le Nazlon più iluminade e colte;
Sta tal Regolazion, replico, presa
     E dal Comun laudada, Dio volesse

[p. 79 modifica]

     54Ch’anca la fusse a norma de l’estesa
Eseguida a puntin, nè sucedesse
     Sto scandalo in Republica sì novo
     57Che tut’altro a l’oposto se facesse!
Che da qualunque banda che me trovo
     Vedo una delusion chiara e patente.
     60In tuto quel ch’è fato mi ghe trovo,
Che ’l Consegio e ’l Senato apertamente
     Xe stà inganà; e sora de sto ponto
     63Una prova le ga tropo evidente.
Cos’è sto novo Ofizio de un Agionto
     Che da so posta ereto Ditator
     66Al somo del poter se vede zonto?
Che furente con smaco e disonor
     Del Consegio e Senato, a so capricio
     69De le Legi el se fa conculcator?
E che abusando del concesso ofizio,
     Confuso el manda el sacro col profan
     72Tuto indistintamente al precipizio?
Che con un despotismo da tiran,
     E drento i Tempj e sora i Sacerdoti
     75A tuto impunemente el mete man?
Che adulterando l’intenzion dei voti,
     Dei gran nostri proavi in sin la gloria
     78El cerca de oscurar nei pronipoti?
Ma se no perderò da la memoria
     El filo de la tela che mi ordisso,
     81Le sentirà in progresso de sta istoria

[p. 80 modifica]

Quel, che a solo pensarlo inoridisso!
     Perchè le conseguenze gravi tropo
     84De sto geloso afar vedo e capisso,
     E qua vien tuto della causa el gropo.



Note a cura de Bartolommeo Gamba
  1. Approvato dal Maggior Consiglio il dì 20 dicembre, dove fu portato senz’altra informazione.
  2. Qui s’intende l’artifizio di non svelare al Maggior Consiglio l’autorità usurpata ad esso dal Senato col Decreto 24 settembre 1603, che mai fu approvato dallo stesso Maggior Consiglio.