Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/74

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Co ghe vogiamo far osservazion
     Ghe vederemo in quela un aparato
     12Sul so principio pien de delusion,
Col qual se vol che per Ragion de Stato
     S’abia da meter man ne le Man-morte
     15Per interesse publico e privato,
Quando per strade anzi indirete e storte
     Se cerca solo fora de scazzar
     18Le Massime de Stato da ste Porte.
Le senta come mi ghel vòi provar.
     (Parlemo de le Legi su le quali
     21S’à voludo el Franceschi dilatar).
Queste tiolte in complesso le xe tali
     Che anzi le vol che sia perpetuà
     24Muneghe, Fraterìe, Preti e Ospedali.
Quele Legi che lu l’à epilogà,
     Vostre Zelenze pol tocar con man
     27Ch’altro efeto che questo no le fa.
Le tioga su le Legi del Sovran
     Mazor Consegio del mile dusento.
     30Za che le vol che andemo sì lontan,
E le me diga, se ghe sia là drento
     Altro significato mai de quelo
     33Ch’è de Riforma e de Regolamento?
No v’aspetè da mi, caro fradelo,
     Che stracar el Pregai vogia sta sera,
     36E che me vogia romper el cervelo
Tiolendo suso sta Scritura intiera