Ventiquattro Odi Scelte di Orazio Flacco/05

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  ODE III. LIBRO I. Edission e fonte ▼ EPODO II.  →
[p. 227 modifica]
Epodo XV.

Nox erat, et coelo fulgebat luna sereno
Inter minora sidera.


A la soa cara Nirèa rimproverandola
de la so' incostanza, e del so'
falso zuramento.


Gièra una nòte la più serena,
Senza un spernàchio, con Luna piena,
Ma cussì lucida, che ogni altra stèla
4Restava smorta da quel luzor;

E in quela quiete da paradiso,
Sentai da rente viso co viso,
Come fà l'edera, fàva l'istesso
8Nèra coi brazzi sora de mì;

E se, parlando, mì dubitava,
o in qualche còssa la interogàva,
Ela in t'un subito me respondèva
12Co una schietezza che gnente più;

Anzi per farme più che contento
La me zontava stò zuramento:

[p. 228 modifica]

(Gnente, sta perfida, gnente tremando
16L'istesso Giove de cogionar!)

Finch'el lovo farà guèra
A le piegore, quà, in tèra,
Finchè Orion sarà danòso
20A chi và scorendo el mar;
Fin che a l'aria sventolài
Vederemo, zò, molài
I cavèi del biondo Apòlo,
24L'amor nostro durarà.

Ah! come, o Nèra, sto tradimento
T'à da far nasser el pentimento,
Ben recordandote quanto paziente,
28Quanto costante so' stà con tì!

Ma senti, ingrata; se ancora in Flaco
Ghe xè del sangue, nò, per dio Baco,
Sti torti publici, più no li sofro,
32E un'altra dòna me vòi trovar;

Perchè un'ofèsa cussì stragranda,
Ch'el cuor me passa da banda a banda,
Se più de Venere ti fussi bela,
36No te la posso più perdonar.

E ti, superbo, che a sto momento
La mia desgràzia te dà contento,
Profita subito de la conquista,
40Che tropo al longo no pol durar;

Nè conta gnente, che manzi e tère
Ti, ti possedi, nè che a caldiere
El fiume Pàtolo1 l'oro te porta,
44Perchè ste cosse gnente le val;

[p. 229 modifica]


Nè se ti fussi belo, belissimo
Più de Nirèa,2 nè, se dotissimo
Quanto Pitagora,3 nò, no ghè caso
48Zà la to' volta gà da vegnir.
E alòra, amigo, cossa sarà?
Ti, certo, l'àgio ti magnarà,
E Orazio in vece, se godarà.



Note a cura de l'autor
  1. Fiume ne la Lidia, che nel sabion de so lèto gà molto oro in granèli ec.
  2. Sto Nirèa, ne dise Omèro, ch'el fusse el più belo, nel campo dei Greci, dopo Achile.
  3. Pitàgora xè quel filosofon, che fra le altre cosse el pretendeva d'esser nato do' volte. Omo grando per altro, e ben noto.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Ventiquattro_Odi_Scelte_di_Orazio_Flacco/05&oldid=44707"