Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/228

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


(Gnente, sta perfida, gnente tremando
16L'istesso Giove de cogionar!)

Finch'el lovo farà guèra
A le piegore, quà, in tèra,
Finchè Orion sarà danòso
20A chi và scorendo el mar;
Fin che a l'aria sventolài
Vederemo, zò, molài
I cavèi del biondo Apòlo,
24L'amor nostro durarà.

Ah! come, o Nèra, sto tradimento
T'à da far nasser el pentimento,
Ben recordandote quanto paziente,
28Quanto costante so' stà con tì!

Ma senti, ingrata; se ancora in Flaco
Ghe xè del sangue, nò, per dio Baco,
Sti torti publici, più no li sofro,
32E un'altra dòna me vòi trovar;

Perchè un'ofèsa cussì stragranda,
Ch'el cuor me passa da banda a banda,
Se più de Venere ti fussi bela,
36No te la posso più perdonar.

E ti, superbo, che a sto momento
La mia desgràzia te dà contento,
Profita subito de la conquista,
40Che tropo al longo no pol durar;

Nè conta gnente, che manzi e tère
Ti, ti possedi, nè che a caldiere
El fiume Pàtolo1 l'oro te porta,
44Perchè ste cosse gnente le val;

  1. Fiume ne la Lidia, che nel sabion de so lèto gà molto oro in granèli ec.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/228&oldid=65207"