Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/42

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



D'impression sora i corpi a sol vardarla,
    Cosa farala a quei, che puol toccarla,
                    18E pò anca chiavarla?

Ah! sì, che la gà un petto, un collo, un viso,
    Che tanti pezzi i xe da Paradiso;
                    21Tanto che mi ho deciso,

Che se ella fusse stada in quel momento,
    Che in terra xe vegnù tutto contento
                    24Giove per andar drento,

El s'averìa de questa buttà addosso,
    E el l'averìa chiavada a più no posso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/42&oldid=64734"