Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODA UNA BELLEZZA.


SONETTO


Una bellezza mi vorrìa lodar
    De quelle se puol dir d'ultimo biondo,
    Ma no sò da che banda scomenzar,
    4Se dal naso, dal petto, oppur dal Tondo.

A dir, che un'altra Elena la par,
    Che venere con ella gà el secondo,
    I xe pensieri vecchj, co è 'l cagar,
    8E piuttosto mi taso, e me nascondo;

Ma qualcosa vorrìa dirghe de bello
    Per farghe quella lode, che ghe và,
    11E che affatto el pensier fusse novello.

Dirò, che la gà tante qualità,
    Che a vardarla la fà tirar l'Osello;
    Da questo argomentè la so beltà;
                    15Che se tanto la fà

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/41&oldid=60790"