Un'ode de Orazio

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
XXI. Un'ode de Orazio
1886
←  XX. La suplica de Purichinela Edission e fonte ▼ XXII. Omero in vernacolo  →
[p. 197 modifica]
XXI.


UN'ODE DE ORAZIO

PARAFRASI MOLTO LIBERA1

[p. 199 modifica]

O navis, referent in mare te novi
fluctus . . . . .
(Carm. L. I. Od. XIV.)

 
O barca mia, de le altre refolae2
Vedo che studia de condurte in mar.
Ahi cossa fastu mai? da ste palae,
4Barca, badime a mi, no te molar.

Parlo, Italia, co ti, che za vint'ani
In certe imprese ti ga abuo fortuna,
E adesso ti va in cerca de malani,
8Senza pensar che s'a cambià la luna.

No ti vedi oramai che da una parte
Non gh'è più remi? Un colpo de sciroco
L'albero xe vignudo a scavezzarte,
12E le mazze xe rote o le tien poco.

[p. 200 modifica]


Vogio dir: dove xe ste gran figure
Che in politica un zorno ti vantavi?
Dove un omo de viste alte e sicure,
16Dove i ministri veramente bravi?
 
Dove xelo el sarchiame, dove i cai?
De le vele ghe n'astu una de intiera?
E senza questo podarastu mai
20Báter el mar, se gnente el te fa guera?

Me spiego: no ti vedi che de bezzi
Proprio al verde ti xe? Che malcontenti
I to fioi no ga vogia de matezzi.
24E che più de un vicin te mostra i denti?

Se te chiapa per strada la fortuna,3
A che Dio mai te invodistu, a che Santi?
Sì, nel Cansegio4 ti ga abuo la cuna,
28Pianta real: ma cossa giova i vanti?
 
Intendime: se mai la guerra schiopa,
La to rovina chi la tien indrio?
Vustu che Dio te manda el vento in popa,
32Ti che da casa toa ti l'à bandio?

[p. 201 modifica]


Cossa ghe importa al mariner che sia
Depento el bordo del color più belo?
Dunque giudìzio; se no, barca mia,
36De tutti i venti ti sarà zimbelo.

Ti me capissi! Xe famoso e grando
El to nome siben e la to gloria;
Ma chi a imprese da grandi va pensando,
40Ghe vol forza e virtù, no vento o boria.

Za ti me ga costà pene e fadiga,
E ancuo te tegno adrio co' molto afano;
Dal mar che fra le Cicladi se intriga
44Vardite ben, ch'el porterà malano.

Tiéntelo a mente, Italia! Al to partito
Pensa co strucacuor chi te vol ben;
Gh'è per ti a Suda,5 a Tripoli, in Egito,
48Un mar de rischi e de disgrazie pien.



Note a cura de l'autor
  1. È parafrasi in un certo senso; perchè a dir vero le strofe di numero dispari contengono la semplice traduzione dal latino: quelle di numero pari l'applicazione dell'allegoria a certi casi odierni.
  2. refolae — (come altrove réfolo) — forti e ripetuti buffi di vento, raffiche.
  3. fortuna — nel linguaggio marinaresco, burrasca.
  4. Cansiglio, grande bosco nel Veneto, situato tra le Provincie di Treviso, Belluno e Udine, dal quale si estraggono fino da tempi lontani gli alberi per le costruzioni di navi.
  5. Suda è il luogo, dove anche l'Italia unì le sue navi a quelle degli altri Stati, per una dimostrazione navale, come la chiamarono, contro la Grecia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Un%27ode_de_Orazio&oldid=43041"