Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/203

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Cossa ghe importa al mariner che sia
Depento el bordo del color più belo?
Dunque giudìzio; se no, barca mia,
36De tutti i venti ti sarà zimbelo.

Ti me capissi! Xe famoso e grando
El to nome siben e la to gloria;
Ma chi a imprese da grandi va pensando,
40Ghe vol forza e virtù, no vento o boria.

Za ti me ga costà pene e fadiga,
E ancuo te tegno adrio co' molto afano;
Dal mar che fra le Cicladi se intriga
44Vardite ben, ch'el porterà malano.

Tiéntelo a mente, Italia! Al to partito
Pensa co strucacuor chi te vol ben;
Gh'è per ti a Suda,1 a Tripoli, in Egito,
48Un mar de rischi e de disgrazie pien.

  1. Suda è il luogo, dove anche l'Italia unì le sue navi a quelle degli altri Stati, per una dimostrazione navale, come la chiamarono, contro la Grecia.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/203&oldid=63408"