Tanto bela ti xe, che co i te vede

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.


[p. 376 modifica]
XCIX


Tanto bela ti xe, che co i te vede,
Tuti se incanta e dise, oh Dio cò bela!
San Marco nostro t'ha donao la fede,
E Venezia l'onor de la donzela;
De grazie e amori t'ha pagao mercede
Del ciel seren la più candida stela;
Nana t'ha fato far, t'ha scazao in cuna
I maresei de la nostra laguna.


Ed in questo canto invece, un giovane fa l'elogio della sua cara.

«Tu sei tanto vezzosa, che ognuno che ti vede si ferma incantato ed esclama: o Dio che bella fanciulla! tu sei nata in grembo alla nostra santa fede, fra i divoti di San Marco, e godi dell'onore di poterti vantare donzella veneziana: una stella propizia ti ha versato sul capo un tesoro di grazie e di amori, e l'onde della nostra laguna dondolando la tua culla ti procurarono sonni dolci e soavi.» [p. 377 modifica]

Nana t'ha fato far: fa la nana, fa la nana, è la solita canzone che le madri intuonano sulla cuna de' loro figli (vedi canto I).

I maresei: quell'atto con cui si dondola una barca facendola piegare sovr'ambo i lati chiamasi nel dialetto veneziano «far mareselo»

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Tanto_bela_ti_xe,_che_co_i_te_vede&oldid=42969"