Co' son in mezzo al mar ogni matina

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.


[p. 375 modifica]

XCVIII


Co' son in mezzo al mar ogni matina
Saludo a cielo placido una stela;
Perchè a ela ogni popolo se inchina,
Cò 'l vive al ragio de una fede bela;
Perchè tuta la zente de marina,
Più che in altro poder confida in ela,
E po ghe digo subito quell'ave
Che a vele piene andar fa la mia nave.


È questo un canto divoto che il marinaro veneziano rivolge a Maria Vergine.

Quasi tutti i naviganti hanno special divozione alla Madonna, e ne portano l'immagine sopra una medaglia appesa al collo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Co%27_son_in_mezzo_al_mar_ogni_matina&oldid=47795"