Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/377

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Nana t'ha fato far: fa la nana, fa la nana, è la solita canzone che le madri intuonano sulla cuna de' loro figli (vedi canto I).

I maresei: quell'atto con cui si dondola una barca facendola piegare sovr'ambo i lati chiamasi nel dialetto veneziano «far mareselo»


C


Venezia s'ha impiantao co l'Anunziada;
Doman farà gran festa ogni contrada:
I nostri vechi un dì la prima piera
De Venezia doman gà messo in tera:
Doman co l'Anunziada e co la festa
Ti vienme incontro col fioreto in testa;
Chè mi per bon augurio doman vegno,
De amor, mia bela Gnese, a darte el segno.


Allude alla fondazione di Venezia (così dice il nostro poeta barcariol).

Gnese: nome di donna che corrisponde ad Agnese.


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/377&oldid=61567"