Songio mi, Amor, quel servidor de dame?

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Songio mi, Amor, quel servidor de dame? (Sonetto IX)
XVI secolo
←  Sonetto VIII. O cielo, e me inzenocchio e mando fuora Edission e fonte ▼ Sonetto X. La notte che serré la porta al dì  →
Altra edizion: La Fame (1817)

Songio mi, Amor, quel servidor de dame?
Songio mi, Amor, quel che pruffana tutto?
Songio mi quel per ti cusì destrutto,
O songio un resanà, che muor da fame?

Dove è pi le to frezze e le toe fiame
Che me haveva sti dì sì mal condutto?
Va, le afficca in t'un pan o in t'un persutto
S'ti vuol che torna sotto el to reame.

Del resto, fame usar tutti i to tratti,
Fa che habbia mille, se no basta un sguardo,
Che mai levarò el cuor zo de sti piatti.

Va pur, e metti in sémola el to dardo,
Che per adesso son co xe quei gatti
Che lassa el sorze per magnar el lardo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Songio_mi,_Amor,_quel_servidor_de_dame%3F&oldid=67832"