Signor, se per pietà no ti soccorri

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Signor, se per pietà no ti soccorri (Sonetto I)
XVI secolo
←  Canzon (dei soldi) Edission e fonte ▼ Sonetto II. Co ti ha qualche vestura strafozà  →

Signor, se per pietà no ti soccorri
Sti to moderni meschini poeti,
I vedo tanto grami e povereti
Che infina i sassi ha compassion de lori.

Tutte le so fadighe e i so suori,
Compona pur e canzon e sonetti,
No è bone da cavar quatro marchetti
Da ste arpie, da sti mostri traditori.

Una de do: o fa che sia bandìa
Sta profession, o più severamente
Castiga, che no se usa l'eresia.

O manda adosso a cusì crudel zente
Una sorte de nuova malatia
Che la varissa i versi solamente.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Signor,_se_per_pietà_no_ti_soccorri&oldid=42869"