Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E se pò per andar in tel daotto,
    Per quanto le sonasse de subiotto
                    33O 'l ghe stasse bazzotto,

Oppur, che nol gavesse troppa lena,
    Un'altra ghe ne sìa, che ghe lo mena
                    36Oh che gran bella scena!

A veder tanti, e tanti fottidori,
    Puttane, mena Cazzi, e sboradori,
                    39Altro, che gladiatori,

Che teatri, e spettacoli de fiere
    Veder Dame, Pedine, e Camariere,
                    42Come tante guerriere

Colla targa del Culo, e della Mona
    Combatter la Massera, e la Patrona;
                    45Quella pò più buzarona,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/56&oldid=64501"