Quanto tempo s'aspetta un'allegrezza

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Quanto tempo s'aspetta un'allegrezza (Sonetto XII)
XVI secolo
←  Sonetto XI. Occhi pianzé, che ghe ne havé cason Edission e fonte ▼ Sonetto XIII. Co ti fa profession de no voler  →
Altra edizion: La mancanza di ardire (1817)

Quanto tempo s'aspetta un'allegrezza,
Che a pena l'è vegnù, che l'è partì,
Che me ha privà, meschin, de una richezza
Che me feva star ben tutti i mie dì.

Volse custìa, dopo tanta fierezza,
Haver al fin compassion de mi.
Ahimè! che in la infinita mia dolcezza
Me manché quel che me importava pi.

Che co ghe fu vesin persi l'ardir,
Persi appresso el mio ben ogni possanza,
Quasi ferìo, che staga per morir.

Che hoi da far del viver che me avanza,
Se è vegnù quel che no dovea vegnir,
Per tagiarme a traverso ogni speranza?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Quanto_tempo_s%27aspetta_un%27allegrezza&oldid=67858"