Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/114

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DIALOGO TRÀ CONFESSOR, E PENITENTE.


SONETTO


P. Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà.
C.     Figlio, fin quì non commettesti errore.
P.     In Culo a un bel ragazzo l'hò ficcà.
4C.     Male non v'è, dove non v'è dolore.

P. El Cazzo hò tiolto in Cul, e hò vadagnà.
C.     Crepi colui, che non te 'l diè di cuore.
P.     Col Cazzo in Culo pò anca mi hò sborà.
8C.     Bene facesti a disfogar l'ardore.

P. Padre, possio chiavar?   C. Che maraviglia!
P.     Una Putta hò chiavà. C. Non mi dispiace.
11P.     Donca posso chiavar? C. Chi ti sconsiglia?

P. Posso donca chiavar?     C. Quanto ti piace.
P.     Posso chiavar la Mare? C. Anche la Figlia.
14P.     Padre, el tioressi in cul? C. Vattene in pace.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/114&oldid=60653"