Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/117

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PROPONIMENTO.''


SONETTO


No voi più Donne, no voi più puttelle,
    Ma goder voggio la mia libertae,
    Zà vedo, che le xe tutte cagae,
    4Che le me caverave insin la pelle;

Che i diga pur, che le xe bone, e belle,
    Che a mi tutte in tel Cul le me xe andae,
    Che siele tutte quante buzarae,
    8E tutti quanti quei, che fà per elle.

No voggio in quella spuzza andar più drento,
    Dove no se ghe trova a parlar schietto,
    11Che pisso, che marchese, e scolamento.

Che vaga pur chi vuol in quel bruetto,
    Che mi, s'hò da isporcar el mio Strumento,
    Voi piuttosto ficcarlo in t'un Culetto.
                        15Cussì anderò più stretto,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/117&oldid=60454"