Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/4

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Farò, come fà tanti poetoni,
    Che dà le gran seccade de cogioni
                        18Co quei so iperboloni

De monti d'alabastro, e bianco late
    Per no dir do bellissime culate;
                        21Che buzare strafate!

Per descriver do Tette, e la Natura
    Dir do colline, ed una valle oscura.
                        24Per mi la xe segura,

Che se vorrò cantar per mio solazzo
    26Dirò Mona alla Mona, e Cazzo al Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/4&oldid=64732"