Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/3

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTOR NO PUOL CAMBIAR STIL.


SONETTO


No sò più cosa dir, che hò dito tanto
    In materia de Cazzo, e de chiavar,
    D'andar in Culo, e farse buzarar,
    4Che mi no gò più vose per sto canto.

Vorrìa dir qualche buzara ogni tanto
    Sù sto ponto per farmela passar,
    Ma no sò da che banda scomenzar,
    8Che quel, ch'hò bù da dir, tutto l'hò spanto.

Bisognerìa toccar un altro ton,
    Ma mi no incontrerò l'universal,
    11Perchè fuora de questo sò un cogion.

El mio forte xe star sul natural,
    E tanto fà, che rompa 'l cannacchion.
    Quando, che al Cazzo gò da dir Cotal,
                    15Canterò sempre mal,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/3&oldid=60777"