Mo se se chiama Dio l'eterno amor

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Mo se se chiama Dio l'eterno amor (Sonetto XVIII)
XVI secolo
←  Sonetto XVII. Oh, quante volte al dì son un lion! Edission e fonte ▼ Sonetto XIX. El vostro dir: Torné, caro ben mio  →

Mo se se chiama Dio l'eterno amor
Per amar cadauna so creatura,
Se sè in tel resto imagine so pura,
Perché no somegiarla anche in amor?

Se 'l sol, amando, manda el so splendor,
Se nasce per amor zò che è in natura,
Se nome per amor sto mondo dura,
Come amor no cognosce el vostro cuor?

Perché el sol de vostri occhi arde ogni mente,
E ve nasce un pensier co l'odio drio,
E de lu ve nudrì naturalmente?

Niovo destin e troppo crudo è el mio,
Amar chi xe contraria a mi, alla zente,
Al mondo, alla natura, al sol e a Dio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Mo_se_se_chiama_Dio_l%27eterno_amor&oldid=42462"