Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/131

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


QUARTINE


Missier Cazzo baron xe tempo alfin
    De sbassar zò la testa sui cogioni,
    Più no vedo per vù certi bocconi,
    4E bisogna quietarse un pochettin.

Bella! De tanti membri, che gò addosso;
    Gnessun me costa tanto, come vù,
    Ma no me farè miga spender più,
    8S'anca me stessi duro, come un osso.

No cade farme gola a recordarme
    Dei gusti, ch'in so tempo v'avè tiolto;
    Mi no ve credo più, più no v'ascolto,
    12Ve sfadighè de bando a stuzzegarme.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/131&oldid=60469"