Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/134

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ve recordeu de quel continnuo pianto,
    Che zorno, e notte in camera faceva,
    E che conforto da gnessun gaveva,
    48Vìa d'un amigo, che me stava accanto.

Repplico, no voi più dolori, e guai,
    Che m'arrecordo ancora el scolamento,
    Pianzevi vù a pissar per el tormento,
    52Ma pò sè deventà pezo, che mai.

Cerco; che cosa brontoleu frà vù
    Anca alla fè? Disè quel, che ve piase;
    Disè pur sù, disè con tutta pase,
    56Diseme 'l vostro interno anca de vù.

Diseme vìa? Che cosa dir pensevi,
    Forse, che no avè bù dei spassi grandi,
    Che no avè buo bocconi, e Contrabbandi,
    60Che licchetti da Prencipe godevi,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/134&oldid=64531"