Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/133

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



La buzara! Me vien rabbia de cuor,
    Altro no savè dir, che fotti, fotti,
    Per Dìo, che ve darò dei scopellotti,
    32Se in braghesse farè più el bell'umor.

Vadagneve dei bezzi, se volè
    O trovè, chi de bando ve ne daga,
    Del resto in busi, che pissa, o caga,
    36Co avè da spender bezzi no ghe andè.

Orsù vù m'avè inteso, abbiè creanza,
    E se volè sborar, trovè persona,
    Che senza bezzi daga e Culo, e Mona,
    40Se nò stè pur de banda sulla panza.

No voggio più per vù dolori, o guai,
    Ve recordeu de quel mio gran travagglo,
    Ch'averla dà la testa sotto un Maggio,
    44E da sto intrigo nù semo passai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/133&oldid=64530"