Le barufe in famegia/Atto terzo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  ATTO SECONDO Edission e fonte ▼

ATTO TERZO[canbia]

SCENA PRIMA[canbia]

Orsolina, Nene e Bettina

NENE: Eh! In mezo a ste baraonde se va ris'cio de rovinarse el sangue.
BETTINA: Mi sò che se geri no se facevimo vegnir mal el ne petufava.
ORSOLINA: E tuto percossa? Perché se ga parlà.
BETTINA: Quela sprotona de siora Carlota xe andada a svodar el saco.
ORSOLINA: E, a causa de ste ciacole, Toni xe andà via zurando de no mètar più el pié in sta casa.
BETTINA: Zuramenti da mariner. La vedarà che presto el torna, sì.
ORSOLINA: Dio lo vogia. - Dòrmelo mio fradelo?
BETTINA: El xe vegnuo a casa sta note tardi, el se ga butà sul sofà e mi no lo go più visto.
NENE: E... st'altro? L'amigo?...
BETTINA: Colù, come gnente fusse, el xe andà in leto geri ale nove e el dorme ancora.
NENE: Oh! Che zente! Vedaremo adesso come che la andarà a terminar.
BETTINA: Oh! Gamba! che el xe qua. (Esce).

SCENA SECONDA[canbia]

Momolo, Nene e Orsolina

MOMOLO: Amia! Andemo, sogio deventà el diavolo che tuti me gabia da scampar? Geri me go lassà trasportar un poco tropo e go avuo torto; ma ancuo son rientrà in rason e vogio che, cole bone, me disé co' qual fondamento xe stà sparsa quela vose sul conto de Emilia... de Ubaldo...
NENE: A mi xe inutile che ti me domandi, perché no go sentio gnente e no go capio gnente.
ORSOLINA: E mi? Gesumaria! No so gnanca de cossa che se trata.
MOMOLO: Ben! Da vualtre no se pol saver gnente. Alora lassé che ve diga che peraltro ve sé condote molto mal. Ti, perché ala to età certi putelessi no xe più permessi e anzi te dirò che...
NENE: Ti xe tropo alterà, vecio, perché te possa rispondar. (El ga tempo de pensar ai altri, ancora!) (Esce)
MOMOLO: E ti, avendo una perla de toso come Toni, te par una cossa ben fata, pensar a un altro?
ORSOLINA: Ti ga rason, Momolo; so pentia anzi de no averghe corisposto come che el meritava, ma mi spero che nol me gavarà miga lassà, ah?
MOMO LO: Mah! Vedaremo; cercaremo de giustarla.
ORSOLINA: Xe qua la mama, vado via, perché go paura che la cria. (Parte).

SCENA TERZA[canbia]

Rosa e Momolo

(Rosa vestita per uscire. Attraversa la scena per andarsene).
MOMOLO: Mama! Ascolta, mama; andemo vien qua...
ROSA: Ah! Ti ga tanto coragio de ciamarme ancora? Dopo de averme perso el rispeto, dopo de aver cassà via siora Carlota...
MOMOLO: Si, ti ga rason; ma dopo tuto son sta tirà per i cavei. Da che son nato no t 'ò mai perso de rispeto e geri proprio gera fora de mi e no saveva quel che façeva.
ROSA: Si, sì. Cossa vustu insoma?
MOMOLO: Senti mama. Mi ghe vogio ben a mia mugier, so che dona che la xe, e mi vogio saver chi ga messo fora quela storiela...
ROSA: Co no ti vol altro! E anca le prove ti gavarà.
MOMOLO: Le prove?
ROSA: Prove, prove palpabili.
MOMOLO: E dove xele, quale xele?
ROSA: (un po' confusa). Mi adesso no me recordo più; ma siora Carlota che me ga verto i oci ga le prove.
MOMOLO: Ah! Xe stada siora Carlota? Ah! Done! Done! Done!
ROSA: Done, done, macaco! Mi te digo che ela ga le prove, che la xe incapace de dir una cossa per un altra, e adesso vado da ela a domandarghe scusa de l'asenada che ti ga fato geri. Vien anca ti, cussì...
MOMOLO: Mi no posso. Condusila qua che vogio vegnir in ciaro de tuto.
ROSA: Dio lo vogia che no la sia in còlera sul serio. (Esce).

SCENA QUARTA[canbia]

Momolo, poi Ubaldo

MOMOLO: Ma come mai siora Carlota pol averse inventà una cossa simile? Oh! Son pur el gran stupido a pensarghe sora. Ma adesso, xa che xe qua Ubaldo, vogio cavarme ogni dubio.
UBALDO: (non si accorge della presenza di Momolo e legge i versi della Nene). (Sihuro! Questi versi erano al mio indirizzo. E dire che, se Emilia non mi rendeva avvisato, io non mi sarei mai accorto che questi versi devono correggersi così:
“E palpitando mormora - Io t'amo o caro Ubaldo”).
MOMOLO: (battendogli sulla spalla). So tuto.
UBALDO: (piglia paura). (Sa tutto? Ah! Della zia!).
MOMOLO: (El se ga spaventà!).
UBALDO: Io spero che anche tu prenderai la cosa in ridere.
MOMOLO: Come saria a dir?
UBALDO: Sì... Non crederai già che abbia tentato io... Fu lei la prima...
MOMOLO: Lei?
UBALDO: Sicuro! Mi diede cotesti versi. E poi chiedilo ad Emilia.
MOMOLO: Ma de chi parlistu?
UBALDO: Oh! Bella! Di tua zia!
MOMOLO: Ah! Ma certo! Gera quelo che diseva. (Son proprio un babuin).
UBALDO: “In terra tutto palpita”. Leggi... No, no, non li sciupare.

SCENA QUINTA[canbia]

Emilia e detti

EMILIA: (secca). Dighe a to mare che la tira fora tuta la mia biancaria e quela poca de arzenteria che go portà co’ so vegnua per mio malano in sta casa, perché doman vado a Firenze da mio papà col mio moroso.
MOMOLO: Eh! Via! Emilia...
UBALDO: Cara cugina, queste son hose che non si dihono.
EMILIA: Ti ga rason; le se fa senza dirle.
MOMOLO: Ma percossa po', Emilia...
EMILIA: Perché se to amia e to sorela, per vendicarse, le se ga inventà che Ubaldo el xe el mio moroso, da qua poco tempo, Dio sa cossa che le se inventaria...
UBALDO: Come? Come? Così si calunnia la gente illibata? Ma tu Momolo non presterai fede a tali... a tali...
MOMOLO: Ma no, tasi; no far strepiti anca ti adesso.
UBALDO: Oh! Infami! Oh! Bricconi! Ma lascia fare a me che li acconcierò per benino.
MOMOLO: No per carità, no te ne impassar.
UBALDO: Mondo cane! Lascia far a me, ti dico, e vedrai di che sarò capace. Calunniarmi così! Mondo cane! (Esce).
EMILIA: Dunque ti ga capio. La mia biancaria e...
MOMOLO: Abi pazienza, Emilia, che te prometo...
EMILIA: O la me la dà cole bone o rompo i comò e me la togo mi. (Esce).

SCENA SESTA[canbia]

Momolo, Carlotta e Rosa

CARLOTTA: Proprio no la ghe voleva che ela, siora Rosa, per farme desmentegar...
ROSA: Eco siora Carlota; la go trovada per strada e...
MOMOLO: Siora Carlota, mi spero che la me gavarà compatio se me son lassà trasportar...
CARLOTTA: Eh! Basta! Go capio che el gera fora de lu.
MOMOLO: Ghe assicuro, siora Carlota, che quelo che ga dito mia mugier su Orsolina no xe che una ciacola de femene e che Orsolina xe dispiacente, povareta, perché la ga paura che Toni gabia tolto la cossa sul serio.
CARLOTTA: El me dà proprio la vita co' ste parole; perché anca mio fio gera disparà.
MOMOLO: Ben! Su sto proposito speremo dunque che vada tuto ben. Ma adesso bisogna...
ROSA: Andemo, la ghe conta quelo che la m'à dito a mi geri; la ghe prova col fato che nualtre no se inventemo gnente.
MOMOLO: Andemo, dove xele ste prove?
CARLOTTA: (imbrogliata). Mi no go dito de esser proprio convinta... ma lo saveva per parte de persone degne de fede...
MOMOLO: Infati vedo che tuto el mondo sa i fati mii fora che mi. Chi xele ste persone?
CARLOTTA: (Go quasi paura de aver fato maron).
MOMO LO: Dunque?
CARLOTTA: Eco; ma nol toga po' la cossa tanto sul serio... Lo go sentio dir dala Nene, dala dona e da Orsolina...
MOMOLO: Bei capeti! Ben! Adesso sentiremo (Sulla porta). Amia! Betina! Vegnì qua. L'Orsolina no la ciamo, perché no va ben che una putela senta dei petegolessi.

SCENA SETTIMA[canbia]

Bettina, Nene e detti

CARLOTTA: (a Nene) No xe forsi vero che ela ga dito che la sa de sicuro che siora Emilia e sior Ubaldo...
NENE: Mi no sò gnente... mi no go dito gnente...
CARLOTTA: Come no la lo ga dito?
ROSA: No aver sudizion. Disi pur senza paura...
NENE: Mi l'avarò dito in via de discorso perché lo go sentio a dir da Betina; ma, da resto, no me meté in balo mi, perché me vien i grizzoli solo a pensarle ste robe. (Esce).
MOMOLO: (a Bettina che tentava di andarsene inosservata). Dunque, vien qua ti e spua la verità.
BETTINA: Mi sior?... Quela benedeta so amia no la se ricorda dal naso ala boca; ma me ricordo ben mi che geri la me ga dito “Betina” la dise “gastu notà quela confidenza” la dise “quel ti, ciò e ciapa” la dise “fra mia nessa e sior Ubaldo?”la dise. - “Uh” digo mi “mi tendo ai fati mii, siora” digo. - “Eh” la dise “ghe vedo” la dise “più in là del mio naso” e la me ga impiantà suso una filastroca, perché el sa che co la verze la boca no la la finisse più. Ma mi salo cossa che go dito? Go voltà le spale e chi s'à visto s'à visto. (Esce. Momolo, Carlotta e Rosa restano confusi).
MOMOLO: (dopo breve pausa). E la conclusion de ste ciacole xela? Che una de vualtre ga tocià una piveta in un cain de saonada e po' ga leziermente supià drento; po' la piveta xe passada in man de un'altra che ga dà un'altra supiadina e via via ognuna de vualtre ga dà la so supiada nela piveta, cussì che xe vegnuo fora una bròmbola tanto fata da parer una bala de canon. Ma co la bròmbola se gà stacà dala piveta e la me xe capitada fra copa e colo a mi... tac, la xe bela e sparia. - Ma, purtropo, spesso le disgrazie e le rovine dele famegie xe causae da un vostro petegolesso, da una vostra ciacola. - Basta, siora Carlota la vada da so fio, la lo assicura che l'Orsolina ghe vol sempre ben e s 'ciao.
CARLOTTA: Vado, ma da resto el se ricorda che mi no me go inventà gnente, né go parlà gnente...
MOMOLO: Ma si, si. Nissun ga parlà, nissun ga dito gnente. Sala chi xe stà l'aseno, causa de tute ste baraonde? Ecolo qua, so stà mi. Adesso la vada con Dio.
CARLOTTA: A rivèderse siora Rosa.
ROSA: Benedeta siora Carlota (Me par impossibile che no sia vero gnente).

SCENA OTTAVA[canbia]

Momolo e Rosa, poi Emilia

MOMOLO: Oh! Adesso, mama, bisogna che vegnimo a una determinazion. Dunque ascolta...
EMILIA: (Entrando). O brava! Giusto ela. La farà el piaçer de tirarme fora le mie do guantiere d'arzento; i portagoti, i dodese tovagioi, le oto tovagie...
ROSA: Le tovagie xe sète perché la lavandera ghe n'à perso una.
EMILIA: Siora no, che oto ghe n'ò portà e oto ghe ne vogio.
ROSA: Co no ghe ne xe che sète...
EMILIA: La pensa ela, le vogio...
ROSA: E mi ve digo...
MOMOLO: Ecole qua fresche come do rose! Tasé un momento e ascolteme che ve go da parlar. Senteve qua arente. (Mette due sedie nel mezzo vicine e Rosa ed Emilia le portano una in fondo a destra, una in fondo a sinistra. Momolo rimane nel mezzo). Ben, no; fé quel che volé, basta che me ascoltè. Sentime creature una volta per sempre: in mezo a ste question, a sti puntili, a ste barufe xe mai possibile de viver?
EMILIA e ROSA: E no sicuro, gnanca per idea.
MOMOLO: Ben, tasé un momento. Vualtre sé de un temperamento oposto; gavaré tute do i vostri difeti che mi no vado adesso a indagar.
EMILIA e ROSA: Ela xe ostinada, superba e...
MOMOLO: Tasé un momento! Ma el cuor xe bon de tute do perché lo so e ghe ne go avue dele prove. Pur se continué a viver in sto modo, col'andar del tempo finiré per odiarve; e mi no vogio che mia mare e mia mugier, le do creature che go più care a sto mondo, se gabia da odiar. Dunque... la xe dura a dir... ma za cossa se ga da far?... Dunque xe megio che... se separemo. (Si commuove e così a poco a poco tanto Rosa che Emilia. Pausa). Ve zuro che a dir sta parola sento che me se s'ciopa el cuor... perché a pensar che podaressimo viver contenti e felici nel nostro picolo... e inveze mi che son stà sempre vicin ala mia bona mama... (Le si avvicina e la accarezza; Emilia a poco a poco si avvicina a Momolo commossa) che go volesto sempre ben, no posso proprio pensar de dover lassarla adesso che la ga più bisogno de mi... Ma ti me vorà ben istesso, mama mia, anche se no saremo in una stessa casa?
ROSA: (piangendo lo abbraccia). Si tesoro mio, si vissare mie! (Emilia accarezza Momolo).
MOMOLO: (avvedendosi di Emilia). E anca a mia mugier ghe vogio ben! Vualtre do sé la mia vita, el mio mondo, el mio tuto. (Le abbraccia, Pausa).
ROSA: E no se podaria combinarse in qualche maniera...
EMILIA: Se podaria intendarse...
MOMOLO: Diseu dasseno? Mo brave, mo care, mo benedete! Lassé adesso far a mi. Amia! Betina, qua tute.

SCENA NONA[canbia]

Nene, Bettina e detti, poi Ubaldo

MOMOLO: Vardé che la mama e mia mugier ga fato pase, varé che no ga da esserghe più puntili, più petegolessi e sta volta ve la perdòno, ma guai se me ne fé un'altra.
BETTINA: (Sarà, ma me par impossibile che le gabia fato pase).
UBALDO: (entra con valigia, abito da viaggio, ecc.). Ho piacere di trovarvi, o signori, tutti riuniti in questo salotto. Essendosi sparse sul mio conto delle infami insinuazioni secondo le quali io tradirei l'ospitalità, l'amicizia e la parentela, la mia illibatezza mi impone di non più oltre abusare della bonta' de' miei cugini. Ho detto e parto.
MOMOLO: (Con un respiro). (Oimé! El se ne va!).
EMILIA: No sarà mai dito vero che te lassa andar via.
MOMOLO: Mi me despiase, ma dal momento che el vol andar via, no bisogna che lo sforzemo a restar. (Piano a Rosa e ad Emilia). Senti una cossa. Ti lassa che Ubaldo vada via, ti mama licenzia Betina, cussì ve contenté tute do.
ROSA: Mi no licenzio quela tosa...
BETTINA: (che avrà ascoltato). No sarà mai dito vero che mi vaga via de sta casa, perché no go fato cative azion, perché ghe vogio ben ala parona; e se i me cassarà via, me metarò sul scalin dela porta e morirò de fame. (Piange)
ROSA: No, povareta, no che nissun te mandarà via.
EMILIA: (Ad Ubaldo). Alora no ti andarà via gnanca ti.
UBALDO: Ma cugina mia...
EMILIA: Ma infati vogio che ti resti.
UBALDO: Io sono tra l'incudine ed il martello, tra due fuochi, tra Scilla e Cariddi.
MOMOLO: E semo al sicut erat in principium!

SCENA DECIMA[canbia]

Carlotta, Toni, Orsolina e detti

CARLOTTA: (conducendo Toni). Ecolo qua, nol voleva vegnir, ma...
TONI: Peraltro spero che ela (Ad Ubaldo) me spieghera' che impression che la ga fato a Orsolina.
UBALDO: Io mi meraviglio de' detti suoi. Io non voglio impressionar nessuno. Ma che cosa sono diventato? Un Don Giovanni? Un sultano? Un diavolo che mi porti?
MOMOLO: Calmite anca ti. - Toni vien qua, no se ghe ne parla più. Qua, vualtri do, fra un meseto ve sposaré. Xestu contenta mama?
ROSA: Oh! Per mi anca subito.
MOMOLO: Ben. Oh! E una. - Dunque vedo che per quanto che gabia fato, per quanto che fassa no ghe xe caso che vualtre do volé pacificarve. - Dunque cossa voleu che femo?
UBALDO: Ascolta, Gerolamino, un mio consiglio. Due donne in una casa sono come due porte dalle quali entra furiosamente il vento. Basta chiuderne una perché il vento taccia.
ROSA: El sarà lu una porta, anzi un porton!
UBALDO: Ma signora, lo dice Goldoni.
EMILIA: Cara culia! Bela creanza...
ROSA: Vegnarò a scuola da vu...
EMILIA: La gavaria bisogno.
MOMOLO: Ma tasé, se podé, diseva san Filipo Neri, ascoltème. Per tuto sto mese se adataremo de star uniti. Magari ti, mama, ti tegnarà quele do camare là, e ti Emilia, quele do là.
EMILIA: Oh! Mi vogio la mia libertà.
ROSA: No vogio rendarme s'ciava.
MOMOLO: Ben! E vualtre fé quel che volé. Intanto çercarò casa e faremo massarìa.
ROSA: Va ben. Piutosto che viver co' ela, me adato a restar sola come un can.
TONI: Oh! Sola no. La senta, siora Rosa, ela e so sorela le vegnarà a star co' nu.
ORSOLINA: Si mama, sempre co' nualtri.
MOMOLO: Bravo Toni; nualtri po' se combinaremo.Sta separazion me sarà dolorosa e anca de dano material, ma vedo che la xe l'unico mezo per far star in pase la niora e la madona e per evitar i petegolessi, i criori e le barufe in famegia.


FINE
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Le_barufe_in_famegia/Atto_terzo&oldid=42333"