La secretezza delle Massere

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
[p. 145 modifica]
La secretezza delle Massere


     Alle cinque de mattina
La Pasquetta e la Tonina,
Do servete benedete,
D'un canon manco secrete,
Sulla porta donna Catte
Le aspettava dalla latte.

     Per no star cussì de bando
Le se mete ciacolando,
A dir ben de i so paroni,
Che i xe onesti, che i xe boni,
Ma che un poco i xe ristretti,
Per esempio ... tegnosetti.

     Che per altro, delicate
Elle el becco no le bate,
No le parla se i le indora,
Anzi invece alla malora
Volentiera le stramanda
Chi ghe fa qualche domanda.

[p. 146 modifica]


     Se no fusse la parona
Un pocheto ciacolona,
Dise Pasqua alla Tonina,
La saria cossa divina,
La gà un fià de nervoseto...
Ma pazienza, l'è secreto.

     Se sentissi qualche volta
Che [..]urco, che raccolta
De smorfiezzi, e che cagnera,
Che mi misera massera
No farave, e no par diana,
Se i me fazze una Sultana.

     Co i se quieta, e cò i fa pase,
Quando in tuuto i se compiase,
Mi de guardia sempre resto,
Mi ghe digo, mi ghe pesto,
Mo da bravi, mo de dia
No le rompa... l'armonia.

     S'el paron vegnisse a caso,
Me schiarisso e supio el naso,
E in sto modo poveretto
In pericolo nol metto,
De imparar quel che nol sa...
De toccar la verità.

[p. 147 modifica]


     Ma credeu che per sti affari
Chiapa mai qualche do trari?
Figureve el so moroso,
El ze un africa, un tegnoso;
Una roba, una seccada...
Tonia mia, son stomegada.

Mi per altro no ghe penso
De ottegnir nessun compenso,
Mi no parlo se i me copa,
Gò una cottola de stopa,
Ma gò un'anema più fina,
Più de qualche cittadina.

     Ghe risponder a sta secreta
La Tonina più discreta;
Anca mi benchè li lodo
I paroni, no me godo
Che i me tratta come un can,
Struscie molte e poco pan.

     Sgangolisso el me salario,
Per vestirme me savario,
Son spessissimo obbligada
A portar qualche ambassada
E cò ben m'ò descunio
Chiapo un grazie, e andè con dio.

[p. 148 modifica]


     I ninzioi mi ghe tacono,
Ranco, struzio, e no minchiono,
Mai che veda a vegnir via
Un tantin de cortesía;
No pretendo minga un stato...
Qualche quarto de ducato.

     Ma co tutte ste cagnere,
Posso dir che de massere
Più fedeli e pia secrete,
Più onorate e più discrete,
Disè pur quel che volè,
Più de mi no ghe ne xè.

     Dopo averse là in confuso
Mille cosse dito suso,
Passa proprio donna Catte,
E la ciga voleu latte,
La le ferma... le contrata...
Do parole le barata.

     La provista terminada,
Le se dà una saludada;
Sora el tutto le se dise,
No parlè, le mie raise,
Tegnì duro, tegnì streto,
In te l'anema... el secreto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_secretezza_delle_Massere&oldid=55646"