Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/148

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     I ninzioi mi ghe tacono,
Ranco, struzio, e no minchiono,
Mai che veda a vegnir via
Un tantin de cortesía;
No pretendo minga un stato...
Qualche quarto de ducato.

     Ma co tutte ste cagnere,
Posso dir che de massere
Più fedeli e pia secrete,
Più onorate e più discrete,
Disè pur quel che volè,
Più de mi no ghe ne xè.

     Dopo averse là in confuso
Mille cosse dito suso,
Passa proprio donna Catte,
E la ciga voleu latte,
La le ferma... le contrata...
Do parole le barata.

     La provista terminada,
Le se dà una saludada;
Sora el tutto le se dise,
No parlè, le mie raise,
Tegnì duro, tegnì streto,
In te l'anema... el secreto.