Pagina:Scherzi poetici di vari celebri autori italiani e veneziani.djvu/147

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     Ma credeu che per sti affari
Chiapa mai qualche do trari?
Figureve el so moroso,
El ze un africa, un tegnoso;
Una roba, una seccada...
Tonia mia, son stomegada.

Mi per altro no ghe penso
De ottegnir nessun compenso,
Mi no parlo se i me copa,
Gò una cottola de stopa,
Ma gò un'anema più fina,
Più de qualche cittadina.

     Ghe risponder a sta secreta
La Tonina più discreta;
Anca mi benchè li lodo
I paroni, no me godo
Che i me tratta come un can,
Struscie molte e poco pan.

     Sgangolisso el me salario,
Per vestirme me savario,
Son spessissimo obbligada
A portar qualche ambassada
E cò ben m'ò descunio
Chiapo un grazie, e andè con dio.