Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/79

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E per quanto la trasse, co fà un mulo;
    Lù andava disendo, oh che bel Culo!
                    63Stà savio, che me sculo,

Ella diseva; ti l'hà troppo grosso,
    Tirelo vìa, se nò te cago addosso.
                    66Petto de Dìo, no posso,

Sento, che 'l ghe risponde inviperìo,
    E pò, che 'l casca zò tutto sbasìo.
                    69Da questo mi hò capìo,

Che, per quanto criasse la ragazza,
    71El ghe l'hà messo in Cul senza spuazza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/79&oldid=64630"