Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Oh Dìo, che vegno, zà no posso pì,
    Ella diseva, aspetteme anca mì,
                    33E tutti do cussì

In t'una volta i hà dà la so sborada,
    Perchè hò sentìo, ch'i ha dà una gran cigada;
                    36Ma pò no xe passada,

Al conto, ch'hò tegnù, un'Ave Marìa,
    Che xe tornà l'amigo a trottar vìa,
                    39E cussì de sta vìa

El xe andà drìo, m'impegno, più d'un'ora
    Sto buzaron avanti, che lù 'l sbora;
                    42El lo cavava fuora,

E pò ogni tanto drento el lo ficcava,
    E la Donna dal gusto scorrezzava,
                    45Quà, e là lù se buttava,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/77&oldid=64628"