Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/75

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


I DO AMANTI NEL ZARDIN.


SONETTO


In t'un zardin, che giera molto belo,
    Ho visto una Donnetta col so amante,
    Ella ghe fava delle grazie tante,
    4E lù ghe dava in man tanto de Oselo.

Pò vedo, ch'i se basa, e che bel belo
    Le cottole el ghe leva tutte quante,
    E puzandola addosso delle piante
    8La Mona el ghe toccava a contrapelo.

In quel zardin quell'Omo me pareva,
    Che 'l fusse Adamo, e che la bella Dona
    11Me pareva la fusse la so Eva,

E che sia vero; oh! che gran cosa bona,
    Che xe 'l chiavarse, sento, ch'i diseva;
    Cussì hò capìo, che 'l ghe l'hà messo in Mona.
                    15Damela buzarona,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/75&oldid=60623"