I tre Spiantai (1817)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
I tre Spiantai
XVIII secolo
Edission e fonte ▼
Altra edizion: I tre Spiantai (1845)
[p. 133 modifica]
I TRE SPIANTAI


APOLOGO


     1Essendo un dì al passegio in compagnia
Un Conte, un Avocato e un Zogelier,
El Conte salta su: Corpo de dia!
Son sempre al can con tuto el gran mio aver.
L'Avocato sogiunze: Vita mia,
Semo compagni; e sì, mi go un mistier
Da tesorar; e dise el terzo ancora:
Più che vadagno più vago in malora.
     2Cossa che sia sta roba po nol so:
Ma qua gh'è sconto certo qualche intrigo,
Più che laoro manco mi ghe n'ò,
Go manco bezzi più che me sfadigo;
Saveu mo, putì, cossa che farò?
Quelo che m'à consegià un bon amigo:
Me portarò doman da fra Vidal,
Che per consegi no se dà l'ugual.
     3El Conte e l'Avocato salta su:
Amigo caro, no ne abandonar,
Permeti che vegnimo là anca nu
Per veder che 'l ne possa consolar.
Andemo in bota, el ghe risponde lu;
E tuti tre i se taca a caminar,

[p. 134 modifica]

E in manco d'un'oreta i xe in quel sito
Dove ga el so tugurio l'Eremito.
     4I bate; e lu risponde: Chi va là?
Amici boni, i dise tuti tre:
Chi diamberne mai seu, per carità?
Sogiunze el Frate, presto via, parlè:
In breve d'ogni cossa el xe informà,
E 'l ghe risponde come sentirè,
In enigma, perchè cussì l'usava
Parlar con tuti quei che 'l consegiava.
     5Pronuncia donca el bon servodedio:
Per vu sior Zogelier ghe vol un legno;
E voltà à l'Avocato: e a vu, ben mio,
Manco chiacole digo, e più contegno;
E vu, caro el mio sior Conte sbasio,
Leveve su a bonora, e ve mantegno
Che se fè talequal se' fortunai.
V'ò dito tuto qnanto, Adio, spiantai.
     6El Conte, el Zogelier e l'Avocato,
Senza più bater beco i volta via,
Disendo tuti tre: mo che Fratato!
Mo che tratar xe el soo, sangue de dia!
Che bela cossa mai gavemio fato
A far cussì a penini quatro mia?
Manco chiacole, legno, su a bon'ora...
Cossa vol dir sta roba in so bon'ora?
     7Ma l'Avocato a forza de pensar
A capio ch'el Romito xe un portento;
In renga lu no fava che sbragiar,

[p. 135 modifica]

Saltando sempre fora d'argomento;
Per cossa mo? per no voler studiar;
Ma come el gera un omo de talento,
El s'à messo a la via, e in t'un sol mese
L'è deventà dei primi del paese.
     8El Conte prova alzarse una matina
Sul far del dì, e averto el so balcon,
El vede vegnir zo da la cusina
El Cuogo co un belissimo capon,
El Camerier co un galo e una galina,
E 'l so Lachè co un fiasco de vin bon;
El li sorprende, el ciga sul momento:
Intendo del bon frate l'argomento!
     9Anca el nostro gramazzo Zogelier
À capio che 'l Romito xe un'ometo.
Per disgrazia el gaveva una muger,
Che tuto el dì mandava roba in gheto;
Ma fa ancuo, fa doman un tal mistier,
Perdia! che se n'à acorto el bon cucheto;
E doperando a gradi un bravo legno,
El l'à messa a la fin sul bon contegno.
     10Saveu quanti ghe n'è de talequali
Che xe pitochi e che no i sa perchè?
Che ga la testa simile ai cocali,
Che se fida de quanti che ghe xe?
Che tardi se ne acorze dei so mali,
E tardi i va cigando: oh, dio! oimè?
Ma rimedio no gh'è per el so mal
Perchè più no se trova un fra Vidal.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=I_tre_Spiantai_(1817)&oldid=68364"