Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/133

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Saltando sempre fora d'argomento;
Per cossa mo? per no voler studiar;
Ma come el gera un omo de talento,
El s'à messo a la via, e in t'un sol mese
L'è deventà dei primi del paese.
     8El Conte prova alzarse una matina
Sul far del dì, e averto el so balcon,
El vede vegnir zo da la cusina
El Cuogo co un belissimo capon,
El Camerier co un galo e una galina,
E 'l so Lachè co un fiasco de vin bon;
El li sorprende, el ciga sul momento:
Intendo del bon frate l'argomento!
     9Anca el nostro gramazzo Zogelier
À capio che 'l Romito xe un'ometo.
Per disgrazia el gaveva una muger,
Che tuto el dì mandava roba in gheto;
Ma fa ancuo, fa doman un tal mistier,
Perdia! che se n'à acorto el bon cucheto;
E doperando a gradi un bravo legno,
El l'à messa a la fin sul bon contegno.
     10Saveu quanti ghe n'è de talequali
Che xe pitochi e che no i sa perchè?
Che ga la testa simile ai cocali,
Che se fida de quanti che ghe xe?
Che tardi se ne acorze dei so mali,
E tardi i va cigando: oh, dio! oimè?
Ma rimedio no gh'è per el so mal
Perchè più no se trova un fra Vidal.