Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/132

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E in manco d'un'oreta i xe in quel sito
Dove ga el so tugurio l'Eremito.
     4I bate; e lu risponde: Chi va là?
Amici boni, i dise tuti tre:
Chi diamberne mai seu, per carità?
Sogiunze el Frate, presto via, parlè:
In breve d'ogni cossa el xe informà,
E 'l ghe risponde come sentirè,
In enigma, perchè cussì l'usava
Parlar con tuti quei che 'l consegiava.
     5Pronuncia donca el bon servodedio:
Per vu sior Zogelier ghe vol un legno;
E voltà à l'Avocato: e a vu, ben mio,
Manco chiacole digo, e più contegno;
E vu, caro el mio sior Conte sbasio,
Leveve su a bonora, e ve mantegno
Che se fè talequal se' fortunai.
V'ò dito tuto qnanto, Adio, spiantai.
     6El Conte, el Zogelier e l'Avocato,
Senza più bater beco i volta via,
Disendo tuti tre: mo che Fratato!
Mo che tratar xe el soo, sangue de dia!
Che bela cossa mai gavemio fato
A far cussì a penini quatro mia?
Manco chiacole, legno, su a bon'ora...
Cossa vol dir sta roba in so bon'ora?
     7Ma l'Avocato a forza de pensar
A capio ch'el Romito xe un portento;
In renga lu no fava che sbragiar,