Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 36 modifica]A dì sie pur mazo, ni il dì ni la note pasà, non fo fato niuna cosa da conto, salvo quel so continuo bombardar in le mure de la tera, e queli so cridari e sonari de nacare per spaurir el popolo de la zitade.

A dì sete pur mazo a hore quatro de note, vene soto le mure de la tera zerca turchi trenta milia molto ben in ordene con alguni gati1 per voler vegnir a tradimento dentro de la tera, perchè nui de la zitade non pensavemo ancora aver bataia. Ma l'eterno dio si dè aiuto e forza a i nostri, e valentemente questi turchi si fo rebatudi in driedo, con so gran vituperio, e dano asai, e de lor asà ne fo morti, digo una gran quantitade.

Pur in questa note aldando2 nui da mar queli estremi cridori, che feva queli malvaxi pagani atorno de le mure de questa puovera [p. 37 modifica]zità, che veramente i cridori si se aldì per fina a la banda de la Natolia, che son mia dodexe da luntan dal campo del turco, e nui da mar vedando, e aldando tanti estremi zigori, credevemo del tuto che in quela fiada i volese dar la bataia zeneral, el iera tanti i sonari de nacare, e de suo tamburli, che veramente el iera una cossa da non poder creder, salvo chi aldiva; e come ho dito de sora, credando nui da mar, che i devèse dar questa note la bataia, subito tuti nui da mar se metesemo in arme, e tuti valentemente se steva a le suo poste, cussì le nave come le galie. Questo so combater da tera si durò fina a le sete ore de note, che fo solo tre ore. Ma l'armada da mar del turco non se volse muover, perchè quela avea paura de la nostra armada, che iera a la cadena in ordene per aspetar la sua, sichè da mar non fo fato altro per questo zorno; ma da tera per quela note non feze gnanche3 in quel luogo altra movesta. Ma subito che i diti turchi se partì de là, dove che i combateva, e perchè i vete non aver posudo far cosa niuna, i deliberò e andò con gran cridori, e cazà fuogo in la porta del restelo del palazo, e bruxola tuta incontinente, e subito che la fo bruxada, i nostri si corse là, e ribate i diti turchi in driedo, e murò quela porta de muro. —

Pur ancora in questo zorno si tornò le nave a star a la cadena, le qual nave si iera partide de là per dubito de le bombarde, e iera redute a presso le mure de Pera, e fo fortificà la cadena, come da prima, con le dite nave. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. strumento bellico da percuotere le muraglie, col capo in forma di gatto. Vale anche: galleria, graticcio, vigna.
  2. udendo.
  3. nemmeno.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/26&oldid=41756"