Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


zità, che veramente i cridori si se aldì per fina a la banda de la Natolia, che son mia dodexe da luntan dal campo del turco, e nui da mar vedando, e aldando tanti estremi zigori, credevemo del tuto che in quela fiada i volese dar la bataia zeneral, el iera tanti i sonari de nacare, e de suo tamburli, che veramente el iera una cossa da non poder creder, salvo chi aldiva; e come ho dito de sora, credando nui da mar, che i devèse dar questa note la bataia, subito tuti nui da mar se metesemo in arme, e tuti valentemente se steva a le suo poste, cussì le nave come le galie. Questo so combater da tera si durò fina a le sete ore de note, che fo solo tre ore. Ma l'armada da mar del turco non se volse muover, perchè quela avea paura de la nostra armada, che iera a la cadena in ordene per aspetar la sua, sichè da mar non fo fato altro per questo zorno; ma da tera per quela note non feze gnanche1 in quel luogo altra movesta. Ma subito che i diti turchi se partì de là, dove che i combateva, e perchè i vete non aver posudo far cosa niuna, i deliberò e andò con gran cridori, e cazà fuogo in la porta del restelo del palazo, e bruxola tuta incontinente, e subito che la fo bruxada, i nostri si corse là, e ribate i diti turchi in driedo, e murò quela porta de muro. —

Pur ancora in questo zorno si tornò le nave a star a la cadena, le qual nave si iera partide de là per dubito de le bombarde, e iera redute a presso le mure de Pera, e fo fortificà la cadena, come da prima, con le dite nave. —

A dì oto pur de mazo, fesemo conseio di dodexe, e si fo prexo per parte de dover descargar tute le marcadantie in Costantinopoli, le qual se truova a esser in le galie da la tana, e quele tal tre galie meterle a fondi in l'arsenada de l'imperador, e quando che fo prexa questa parte de dover descargar queste tal galie, quando che i volse comenzar a descargar, subito le zurme si saltò con le spale a le porte de le galie digando: volemo veder chi sarà colui, che darà fuora queste marcadantie de queste galie; nui intendemo, che dove che xe la nostra roba, lì se xe le caxe nostre, et anche intendemo, che cusì tosto come averemo descargà queste galie e fondade in l'arsenà, subito i ne retignerà questi griexi in questa sua zitade per bela forza come suo propii schiavi, dove che ora nui si semo in nostra libertade, e de andar e de star; si che, se covéne aver patientia de dover descargar le galie,2 e remeterse a la mixericordia de misser domenedio,

  1. nemmeno.
  2. allora sarà forza richiamarsi alla misericordia etc.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/43&oldid=62500"