Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/08

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 13 modifica]Adì 26 fevrer de note, si scampa fuora del porto de Constantinopoli, Piero Davanzo con la sua nave, per andar a Veniexia, e ancora in quela note si scampò nave sie de Chandia, le qual andò in Chandia carghe de pessàmi, et era una buora a mìa 10 per hora quando che le se levò dal porto, andossene le sete nave a buon viazo, e queste tal sete nave si era retignude per el conseio di dodexe, come iera le ga1ie nostre, e questo scampar che fè queste nave, si fo per paura che i avea del turco che dovea vignir a combatter la zittade, il qual si se aspetava di zorno in zorno, e per questa paura i scampò, e con quele nave si scampò assai persone da fatti, fo persone zerca 700, e questa tal nave andò in conserva per infino a Tenedo, senza che l'armada del Turco le . . . . . . ; chome quele se vete esser fuora del streto de Garipoli, le se separa una dal altra; le sie navi andò in ver Chandia, [p. 14 modifica]e Piero Davanzo si andò inver Veniexia, e tutte sette nave si riva a salvamento a le sue tere.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/08&oldid=41738"