Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


tera nostra; e cusì a la zornada andaemo cargando, e fo cargado le marcadantie soto scrite, le qual con quele vegnissimo a Veniexia, quando se perse la tera.

Questo si sono el cargo de le galie.

seda C° 82. zera C° 438.
rame C° 614. charmexe C° 31.
endego C° 4. lacha C° 6.
zenzaro1 C° 11. semenzina C° 1.
lavor d'oro C° 3. mastizi C° 7.
suma in tuti colli 1197.


In questo zorno, pur di 26 zener, vene in Constantinopoli Zuan Zustignan Zenovexe e de corser de una nave de zerca botte mile e duxento, e una altra nave de bote otozento con homeni setezento, e vene in Constantinopoli, chome de sora ho dito, perchè l'intendeva la nezesitade che havea Constantinopoli, e per benefitio de la christianitade, e per honor del mundo. L'imperador si se tene queste nave apresso de si per sua segurtade, e de lì ver quanti zorni l'imperador donò a questo Zuan Zustignan2 una galia sutila . . . . . . . . e felo capetanio de le sue zente de tera, per star a le mura da tera per aspetar l'exerzito de Machomet bej turco, el qual se aspeta de zorno in zorno, che el vegna con el suo exerzito achampar atorno la mixera zitade de Constantinopoli.

Adì 26 fevrer de note, si scampa fuora del porto de Constantinopoli, Piero Davanzo con la sua nave, per andar a Veniexia, e ancora in quela note si scampò nave sie de Chandia, le qual andò in Chandia carghe de pessàmi, et era una buora a mìa 10 per hora quando che le se levò dal porto, andossene le sete nave a buon viazo, e queste tal sete nave si era retignude per el conseio di dodexe, come iera le ga1ie nostre, e questo scampar che fè queste nave, si fo per paura che i avea del turco che dovea vignir a combatter la zittade, il qual si se aspetava di zorno in zorno, e per questa paura i scampò, e con quele nave si scampò assai persone da fatti, fo persone zerca 700, e questa tal nave andò in conserva per infino a Tenedo, senza che l'armada del Turco le . . . . . . ; chome quele se vete esser fuora del streto de Garipoli, le se separa una dal altra; le sie navi andò in ver Chandia,

  1. zenzero, zenzevero, gengiovo, aromato di sapore simile al pepe.
  2. Giovanni Giustiniani Longo era stato due anni prima podestà in Caffa. Costantino l'accolse con sommi onori, e promise insignorirlo dell'isola di Lenno, qualora Maometto sciogliesse l'assedio.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/19&oldid=62473"