Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/09

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 14 modifica]Considerando l'imperador, che pur del tuto el Turco voia vegnir a combater questa mixera zità de Constantinopoli, e per esser tute le mure da tera fortissime e grosse da piè 10 fina piè dodexe e più, salvo che dal palazo le sun forte debole e senza barbacani, e senza fosse, e perhò l'achade a far provixion sopra de zò, che se proveda de fortificar questo tal palazo, che vignando el Turco non i possa far recresimento1 niuno, e perhò bexognando proveder queste cosse, l'imperador domanda a misser lo capetanio de le galie da la Tana, che i fesse tanta gratia, che el dovesse andar con le suo galie a questo suo palazo, e far cavar a le sue zurme uno fosso arente el palazo per fortificarlo, e cavarlo tanto fondido, che sia piè oto e longo passa zento. El capetanio sì respoxe al imperador: io el farò de bona voia prima per honor de Dio e per honor de tuta la christianitade, e per obedientia del vostro imperio, che chovien esser espugnado dal Turco, e per far la tera vostra che sia forte, e per questa tal caxon luni da matina si me leverò cun le mie galie, e si me ne vignerò al chinigo2, e lì tuti nui desmunteremo in tera, e valentemente tuti si chaverà la sua parte. E come fo el luni che fo dì 14 de Marzo, el nostro capetanio se levò cun le sue conserve, e andò dove che l'imperador i ordenò, che el dovesse andar, e lì sorse le galie, e lì tuti de bona voia si desmuntò in tera, chi cun sape, chi cun baili, chi cun chofe3 per portar la tera; e l'imperador con tuta la sua baronia si steva a veder questo bel lavor, e zascaduno patron de le galie avea el suo gaiardo4 in tera per asunar5 tuti i suo homeni a uno, e in questo zorno fo fato uno gran cavar de fossi, e questo perchè tuti el feva de bona voja, prima per l'amor de Dio, e può per amor del Turco, che non podesse vignir a le mure a spiron batudo. Come fo la sera, l'imperador molto si regratia el capetanio del benefitio, che lui i avea fato per nome dela nostra signoria de Veniexia; el capetanio possia si comandò a misser Chabriel Trivixan el qual son vizo capetanio de le do galie suttile, che [p. 15 modifica]lui dovesse andar con le sue do galie suttile a cavar quanto fosso lui poterà cun le sue zurme per fortificar le mure del dito palazo.

El dito misser Chabriel Trivixan si fexe el suo comandamento, e stete a cavar in fina al tramuntar del sol, e da posa vene al suo statio a sorzere, e questo si fo adì 14 del mese de marzo 1453.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. danno.
  2. Kynegion, quod ibi tempore Romanorum fuerit arena, seu amphitheatrum, ubi pugnabant vel homines cum feris, vel ferae inter se ipsas. Leon. Chiens. ed Parigi 1823. note in fine.
  3. cofani.
  4. È il castello, ossia la parte delle galere a prua. Gagliardetto, o piè di gallo, vale piccola e lunga banderuola, che suol terminare e dividersi in due punte. Boerio.
  5. ragunare.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/09&oldid=41739"