Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/07

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 11 modifica]Adì 26 Zener1 andò misser lo bailo con tuti do i capetani de le galìe, e con tuti nostri marcadanti ala prexentia del serenissimo imperador, e a lui imperador fo domandato de gratia per misser lo bailo, che nui fossemo in libertà de dover cargar le nostre marcadantie in le galìe nostre, e non esser zercadi2 a le porte de la tera vostra, come se fa in tera de mori; se nui portemo marcadantìe in le galìe nostre, nui el possiamo molto ben far a baldeza3, per l'autorità che nui avessemo dal vostro imperio, quando che nui el posedessemo questo [p. 12 modifica]Constantinopoli anni sessanta de longo4, e quelo nui vel donassemo indriedo; ma remetando tute queste cose da parte, nui come vostri boni fioli vi domandemo de gratia al vostro imperio, che vui ne dobiè lassar cargar le marcadantìe nostre, e nostro aver in le galìe nostre, e si pur l'imperio vostro non volesse dar le marcadantie, io me ne anderò questa note con el nome de Dio al mio viazo con le marcadantìe, che mi truovo aver in le galìe, e non credè minga, che voja star in questa vostra tera retignudi, come fossiamo schiavi. - Quando l'imperador ave intexo el parlar di capetanij, e de misser lo bailo, che pur del tuto i voleva le marcadantie in le galie, in quella fiada l'imperador con tuti li suo baroni si se strense a uno, e conseiosse insembre, e come i ave ben parlado fra loro, l'imperador, come homo pasionado sì respoxe humanissimamente a misser lo bailo, e ai do capetani: io veramente me accorzo, magnifico bailo, e vui magnifici capetani, che chusì tosto che vui abiè le marcadantie in galie, vui ve leverè prima notte, e andarevene con Dio, e laserème mi solo contra l'exercito de Machomet bej turco, perfido nemigo mio, el qual se aspeta de zorno in zorno, el qual vuol combater el mio imperio con quanto forzo lui poterà da mar e da tera. - Respoxe i capetani de le galie:

Serenissimo imperador, nui sì ve imprometemo sora l'onor de queli da Veniexia, e sora de nui e de le nostre teste, che siando carghe le galie nostre, che mai non se leveremo con le galie nostre de questo vostro porto de Constantinopoli, salvo se dal vostro imperio n'abiamo bona lizentia de partirse da vui, o veramente che n'abiamo comandamento de partirse, da la nostra signoria de Veniexia. In quela fiada l'imperador sì respoxe e dise: Ti capetanio de le galie grosse, non sono più segure le vostre marcadantie in la mia tera, cha in le tue galie? Ma veramente me ne accorzo molto bene che tu fai, per scampar una note, e lassarme mi mixero dolente contra el perfido turco, cordial mio nemigo. In conclusion, l'imperador non volse mai dar lizentia, che se cargasse le marcadantie in le galie, se prima el capetanio de le galie grosse non zurasse de non se partir, se prima l'imperador non i desse piena lizentia; e cusì zurò el capetanio de non se levar mai senza lizentia del suo imperio, e in quela fiada l'imperador si dè lizentia, che tuti marcadanti podesse cargar le sue marcadantie suxo le nostre galie, e descargar a nostro bel piaxer come5 [p. 13 modifica]tera nostra; e cusì a la zornada andaemo cargando, e fo cargado le marcadantie soto scrite, le qual con quele vegnissimo a Veniexia, quando se perse la tera.

Questo si sono el cargo de le galie.

seda C° 82. zera C° 438.
rame C° 614. charmexe C° 31.
endego C° 4. lacha C° 6.
zenzaro6 C° 11. semenzina C° 1.
lavor d'oro C° 3. mastizi C° 7.
suma in tuti colli 1197.


In questo zorno, pur di 26 zener, vene in Constantinopoli Zuan Zustignan Zenovexe e de corser de una nave de zerca botte mile e duxento, e una altra nave de bote otozento con homeni setezento, e vene in Constantinopoli, chome de sora ho dito, perchè l'intendeva la nezesitade che havea Constantinopoli, e per benefitio de la christianitade, e per honor del mundo. L'imperador si se tene queste nave apresso de si per sua segurtade, e de lì ver quanti zorni l'imperador donò a questo Zuan Zustignan7 una galia sutila . . . . . . . . e felo capetanio de le sue zente de tera, per star a le mura da tera per aspetar l'exerzito de Machomet bej turco, el qual se aspeta de zorno in zorno, che el vegna con el suo exerzito achampar atorno la mixera zitade de Constantinopoli.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. 26. Gennajo 1453.
  2. cercati.
  3. francamente, con autorità
  4. Fu conquistata il 12. aprile 1204, e andò perduta il 26 Luglio del 1261.
  5. come fossimo etc.
  6. zenzero, zenzevero, gengiovo, aromato di sapore simile al pepe.
  7. Giovanni Giustiniani Longo era stato due anni prima podestà in Caffa. Costantino l'accolse con sommi onori, e promise insignorirlo dell'isola di Lenno, qualora Maometto sciogliesse l'assedio.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/07&oldid=41737"