Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Constantinopoli anni sessanta de longo1, e quelo nui vel donassemo indriedo; ma remetando tute queste cose da parte, nui come vostri boni fioli vi domandemo de gratia al vostro imperio, che vui ne dobiè lassar cargar le marcadantìe nostre, e nostro aver in le galìe nostre, e si pur l'imperio vostro non volesse dar le marcadantie, io me ne anderò questa note con el nome de Dio al mio viazo con le marcadantìe, che mi truovo aver in le galìe, e non credè minga, che voja star in questa vostra tera retignudi, come fossiamo schiavi. - Quando l'imperador ave intexo el parlar di capetanij, e de misser lo bailo, che pur del tuto i voleva le marcadantie in le galie, in quella fiada l'imperador con tuti li suo baroni si se strense a uno, e conseiosse insembre, e come i ave ben parlado fra loro, l'imperador, come homo pasionado sì respoxe humanissimamente a misser lo bailo, e ai do capetani: io veramente me accorzo, magnifico bailo, e vui magnifici capetani, che chusì tosto che vui abiè le marcadantie in galie, vui ve leverè prima notte, e andarevene con Dio, e laserème mi solo contra l'exercito de Machomet bej turco, perfido nemigo mio, el qual se aspeta de zorno in zorno, el qual vuol combater el mio imperio con quanto forzo lui poterà da mar e da tera. - Respoxe i capetani de le galie:

Serenissimo imperador, nui sì ve imprometemo sora l'onor de queli da Veniexia, e sora de nui e de le nostre teste, che siando carghe le galie nostre, che mai non se leveremo con le galie nostre de questo vostro porto de Constantinopoli, salvo se dal vostro imperio n'abiamo bona lizentia de partirse da vui, o veramente che n'abiamo comandamento de partirse, da la nostra signoria de Veniexia. In quela fiada l'imperador sì respoxe e dise: Ti capetanio de le galie grosse, non sono più segure le vostre marcadantie in la mia tera, cha in le tue galie? Ma veramente me ne accorzo molto bene che tu fai, per scampar una note, e lassarme mi mixero dolente contra el perfido turco, cordial mio nemigo. In conclusion, l'imperador non volse mai dar lizentia, che se cargasse le marcadantie in le galie, se prima el capetanio de le galie grosse non zurasse de non se partir, se prima l'imperador non i desse piena lizentia; e cusì zurò el capetanio de non se levar mai senza lizentia del suo imperio, e in quela fiada l'imperador si dè lizentia, che tuti marcadanti podesse cargar le sue marcadantie suxo le nostre galie, e descargar a nostro bel piaxer come2

  1. Fu conquistata il 12. aprile 1204, e andò perduta il 26 Luglio del 1261.
  2. come fossimo etc.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/18&oldid=62472"