El sogno (Camillo Nalin)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El sogno
1857-58
←  I do ustinai Edission e fonte ▼ Le campane  →


[p. 181 modifica]
EL SOGNO.


Nei tempi de le fade e dei strigoni,
     Che ai omeni minchioni
     Un mago, un sacerdote
     I oracoli spiegava,
     5E i sogni de la note
     Interpretava,
     Spesso co fin baron,
     Ma qualche volta bon,
     Un certo re viveva
     10Àl massimo indolente,
     Che magnava e beveva
     Senza voler saverghene de gnente,
     Lassandogli del regno
     La cura al so ministro, un omo indegno,
     15El qual tanto angariava
     I popoli sogeti,

[p. 182 modifica]

Che richi e povareti
Se lagnava,
Nè valeva reclami
20E rimostranze
De quei povari grami,
Perchè tute le istanze
De qualunque tenor
Andava in man de elo,
25Che gaveva sul cuor
Tanto de pelo.

Sucede che una note,
Per esser andà in leto senza cena,
El re fa un sogno strano che lo scuote,
30E levà suso, apena
Ga spontà fora el dì,
A tuta la so zente
Ghe lo conta cussì
Precisamente.

35— Co un scetro da sultan
Sproporzionà a le man,
Co una rica corona
Granda più de la testa de quel poco,
Con un manto real, de la persona
40Più longo d'un bon toco,
E su un trono in sconquasso,
Assae mal pontelà
Da l'alto al basso,
Co tuta indiferenza

[p. 183 modifica]

45Me trovava sentà
Per dar udienza,
Cossa che no ò mai fato
In tanti ani che possedo el stato;
Quando improvisamente
50Me capita davanti,
Per dove no sò gnente,
Tre sorzi ma ziganti;
Uno grosso tanfato
Col lardo sul dadrio,
55Bocon da gato;
St'altro, seco incandio,
Deposta un bacalà,
Tutoquanto pelà:
El terzo afato orbo, ma col pelo
60Lucido, folto e belo. —

E sicome sto sogno un'impression
Sul regnante à prodoto
Da farlo andar deboto
In convulsion,
65Cussì volendo aver
Un omo del mistier,
Che ghe lo spiega,
Manda a chiamar Omega,
Interprete tenudo in quei mumenti
70Per un dei più sapienti,
El qual dotà de inzegno,
E a pontin informà come che 'l gera

[p. 184 modifica]

Sul cativo governo de quel regno,
Da furbo ghe lo spiega in sta maniera:

75— Nel sogno singolar,
Che gavè fato,
Un simbolo Morfeo ve vol mostrar
Dei malani che agrava el vostro stato;
Quelo dei sorzi grasso estremamente
80Ze 'l ministro che magna impunemente;
El sorze seco induto
Ze 'l sudito distruto;
E quelo
Dal bel pelo,
85Ma orbo afato,
No me son inganà,
Ze de vostra maestà
Vero el ritrato. —

La spiegazion ga piasso
90Imensamente,
E la ga fato un chiasso,
Che no ve digo gnente;
Ma come la sia stada
Nissun l'à indovinada,
95S'a el zorno drio trovà
L'interprete impalà.

[p. 185 modifica]


Sto fato pararia
Fusse una prova.
Che in certi casi giova
100Più de la verita qualche busia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_sogno_(Camillo_Nalin)&oldid=39246"