Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/185

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45Me trovava sentà
Per dar udienza,
Cossa che no ò mai fato
In tanti ani che possedo el stato;
Quando improvisamente
50Me capita davanti,
Per dove no sò gnente,
Tre sorzi ma ziganti;
Uno grosso tanfato
Col lardo sul dadrio,
55Bocon da gato;
St'altro, seco incandio,
Deposta un bacalà,
Tutoquanto pelà:
El terzo afato orbo, ma col pelo
60Lucido, folto e belo. —

E sicome sto sogno un'impression
Sul regnante à prodoto
Da farlo andar deboto
In convulsion,
65Cussì volendo aver
Un omo del mistier,
Che ghe lo spiega,
Manda a chiamar Omega,
Interprete tenudo in quei mumenti
70Per un dei più sapienti,
El qual dotà de inzegno,
E a pontin informà come che 'l gera

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/185&oldid=64210"