El retratto e la impresa è bona e bella

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
El retratto e la impresa è bona e bella (Sonetto XXII)
XVI secolo
←  Sonetto XXI. Ohimè! cuor mio, me son pur partì via Edission e fonte ▼ Sonetto XXIII. Haver mare cattiva e pare avaro  →

El retratto e la impresa è bona e bella,
L'un, perché el te somègia in questo brutto,
L'altro, che in le puttane Amor fa tutto
Per amor, co fa el fuogo in la facella.

Che l'arde solamente quanto che ella
Dal motto e dal scorlar riceve agiuto,
Così chi vuol da vaca haver construtto
Diè strapazzarla in questa parte e in quella.

Mi trovo in tel retratto un solo error,
Che è de importantia assae tanto pi quanto
No 'l puol gnianche conzar el depentor.

Ch'el tempo è, se no pi, do volte tanto,
Pur ghe è via de salvarlo, e con so honor
De dir che l'è stampà l'altro anno santo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_retratto_e_la_impresa_è_bona_e_bella&oldid=41681"