Dormi, colona mia, dormi de gusto

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.


[p. 378 modifica]
CI


Dormi, colona mia, dormi de gusto,
E insonia che anca mi dorma al to fianco;
Dormi i to soni quieti come el giusto,
Chè mi per amor tuo sfadigo e ranco:
Ma no patisso perchè son robusto,
Nè le strussie me pol far vignir manco:
Dormi tesoro mio, colona mia...
Doman se vedaremo... stali... sìa!


Un barcajuolo notte tempo canta questa villotta nel passare sotto i balconi della sua amorosa:

Colona mia: frase energica, che equivale a mia gloria, mio sostegno.

Chè mi per amor tuo sfadigo e ranco; che per amor tuo mi affatico nell'arrancare.

Stali... sìa.... voci convenzionali che i barcajuoli si danno reciprocamente al voltar di qualche rivo, per non urtarsi barca con barca: stali vuol dire, piega sullla diritta: premi, piega sulla mancina, e sìa ferma, la barca. [p. 379 modifica]

Qui il poeta finge che nel più bello del canto il suo gondoliere è costretto interromperlo perchè voltando il cantone debbe dare il solito avviso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Dormi,_colona_mia,_dormi_de_gusto&oldid=41592"