Beta, meti la calza a la caena

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
CII. Beta, meti la calza a la caena
1844
←  CI. Dormi, colona mia, dormi de gusto Edission e fonte ▼


[p. 379 modifica]

CII

Beta, meti la calza a la caena,
E in canton del fogher e pan e vin;
Chè vien sta note senza falo a cena
L'Aredodese zo per el camin:
Ti trovarà doman la calza piena,
Perchè puta ti xe de bon sestin;
De fruti, rioba dolze e saoria,
La festa essendo de la Pefania.


L'Aredodese: la Befana, o Befania, ossia la Epifania.

I veneziani hanno il costume di far che i fanciulli, la sera che precede la festa dell'Epifania, appendano una calzetta alla catena del focolare, e depongano sulla predella di quello del pane e del vino, dando loro ad intendere che la Aredodese, o Befana, o Strega, nottetempo scende pel cammino, si mangia la cena ivi preparata, e [p. 380 modifica]poi riempie la calzetta vuota di dolci, e frutta, ed altrettali ghiottonerie.

I fanciulli aspettano con desiderio ed ansietà quella importantissima notte, e nella speranza che sia ben pingue il regalo dell'Aredodese, hanno cura di mantenersi obbedienti e buoni per tutti i giorni che precedono da vicino quel sospirato momento.

A questa festa corrisponde la notte di s. Lucia a Verona, quella di s. Nicolò in Lombardia, e tant'altre per diversi paesi, che l'uso n'è comunemente accettato.

De bon sestin: vale a dire, fanciulla bene allevata, e di buon gusto.

Roba dolce e saoria: roba dolce e saporita.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Beta,_meti_la_calza_a_la_caena&oldid=41341"